Sentiero 408: Nona - Manina (Chiesetta)

    In breve
    Difficoltà
    Esposizione
    Nord-est
    Periodo consigliato
    Tempi
    Andata
    1:30
    Ritorno
    1:10

    Agevole sentiero che conduce da Nona alla Chiesetta nei pressi del passo della Manina.
    (Incrocio con il Sentiero delle Orobie)

    Parcheggio nel centro di Nona (fraz. di Vilminore) oppure seguendo per circa 200 via S. Fermo mm all'estremità est della frazione.

    Il sentiero inizia a lato della chiesa (via Manina) e prosegue sulla strada vicinale di Elli. Chi ha parcheggiato in  via S.Fermo segue in loco un sentiero di raccordo alla strada vicinale.

    Si prosegue strada sterrata che risale sul lato orografico sinistro la valle del torrente Nembo. Si sale con pendenza costante e si esce dal bosco, per arrivare alla zona delle ex baracche dei minatori (1637 m) ove sorge il rifugio (privato) Case Rosse del Gruppo Alpinistico Celadina. In prossimità di questo complesso di edifici imboccare la strada forestale che troviamo sulla sinistra e che scende un poco di quota per attraversare il fondo valle. Il sentiero n° 408 dal luglio 2019 non passa dalle ex baracche dei minatori , ma segue la via sul lato opposto della valle con un tracciato meglio definito. Dopo aver lasciato le ex-baracche sulla destra, si prosegue per pochi metri in discesa per poi risalire dall'altro lato del fondo valle passando nei pressi di una baita. Si guadagna quota sulle pendici del Monte Pizzol fino ad arrivare all'intaglio posto poco sotto alla chiesetta della Manina ove termina il sentiero 408 (quota 1793 m). Si incrociano il sentiero 401 (Sentiero delle Orobie) e il sentiero 407 (Malghe Barbarossa e Teveno)

    Dislivelli
    Salita
    ca. 530 m
    Discesa
    ca. 100 m
    Quote
    Quota massima
    circa 1780 m s.l.m.
    Quota minima
    circa 1350 m s.l.m.
    Distanze
    Lunghezza
    circa 3500 metri
    Profilo altimetrico
    Bibliografia
    http://www.scalve.it/sentieri/
    40 foto disponibili per questo contenuto
    • Il Pizzul visto dal passo della Manina
      (M. Lussana, 2/7/17)
    • Il 408 giunge al passo della Manina
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • La bella piastra d'orientamento (o geolabio) posta al passo della Manina
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Il monte Vigna Soliva oltre il passo della Manina
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • In vista del passo della Manina
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Le cime del Pizzul dalle Case Rosse
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Le Case Rosse
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Gli antichi alloggi dei minatori, noti come le Case Rosse
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Le vecchie Case Rosse, ex-alloggi dei minatori
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Le cime del Pizzul sulla sx
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • In vista del passo della Manina
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Salendo col 408. Vista sul Pizzo di Petto (dx) oltre la valle
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Lo spartiacque con l'alta val Sedornia con un 300 mm Dall'inizio del 408
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Baita sul sentiero
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • Inizia il 408
      (M. Lussana, 7/5/16)
    • La cima a dx - il Pizzul - vista dal passo della Manina
      (M. Lussana, 12/7/15)
    • La chiesetta degli Alpini al passo della Manina
      (M. Lussana, 12/7/15)
    • Passaggio rischioso nei pressi delle miniere di Nona
      (M. Cerutti, 6/4/14)
    • Tanta neve ad aprile
      (M. Cerutti, 6/4/14)
    • Tavoli coperti di neve
      (M. Cerutti, 6/4/14)
    • EXTRA (senza neve: E, 1,10 h): salire al monte Sasna dal passo della Manina
      (M. Lussana, 10/2/13)
    • EXTRA (senza neve: E, 1,10 h): salire al monte Sasna dal passo della Manina
      (M. Lussana, 10/2/13)
    • EXTRA (senza neve: E, 1,10 h): salire al monte Sasna dal passo della Manina
      (M. Lussana, 10/2/13)
    • EXTRA (senza neve: E, 1,10 h): salire al monte Sasna dal passo della Manina. Verso il crepaccio
      (M. Lussana, 10/2/13)
    • EXTRA (senza neve: E, 1,10 h): salire al monte Sasna dal passo della Manina
      (M. Lussana, 10/2/13)
    • EXTRA (senza neve: E, 1,10 h): salire al monte Sasna dal passo della Manina
      (M. Lussana, 10/2/13)
    • La chiesetta nei pressi del passo della Manina illuminata dai primi raggi del sole
      (E. Colombo, 6/10/12)
    • La cappella degli alpini, al passo della Manina
    • Ex miniere del ferro
      (F. Stacchetti, 26/8/08)
    • Pozza per l'abbeverata
      (F. Stacchetti, 26/8/08)
    • Lungo il sentiero.
      (G. Rundo, 18/6/07)
    • Ns
      (G. Rundo, 18/6/07)
    • Le vecchie case dei minatori
      (G. Rundo, 18/6/07)
    • Il paese di Nona visto dall'alto
      (G. Rundo, 18/6/07)
    • I colori della natura e località Piane a Lizzola
      (G. Rundo, 18/6/07)
    • La Presolana come si presenta scendendo dal Passo della Manina
      (G. Tedeschini, 14/7/07)
    • La contrada Nona di Vilminore con la Presolana sulla destra
      (G. Tedeschini, 14/7/07)
    • Le baite dei minatori poco sotto il Passo della Manina; sullo sfondo il Monte Sasna
      (G. Tedeschini, 14/7/07)
    • L'abitato di Lizzola visto dal Passo della Manina
      (G. Tedeschini, 14/7/07)
    • Dal passo della Manina: il Monte Sasna
      (M. Lussana, 1/2/06)
    E: Escursionistico